I contenuti del Decreto Sostegni per le attività economiche in difficoltà

I contenuti del Decreto Sostegni per le attività economiche in difficoltà

Il Decreto Sostegni introduce misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19.

Vi segnaliamo alcuni tra i principali ambiti di intervento per le attività economiche in difficoltà


CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER IMPRESE E PROFESSIONISTI 

• Contributi a fondo perduto per circa 3 milioni di imprese e professionisti (è stato eliminato ogni riferiemento ai codici ateco) che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del fatturato medio mensile rispetto al 2019

Contributi pari a una percentuale del calo di fatturato medio mensile registrato nel 2020 rispetto al 2019

Cinque fasce di ristoro basate sul fatturato 2019: 

  • 60% della perdita media mensile per fatturati inferiori a 100.000 euro 
  • 50% per fatturati fra 100.000 e 400.000 euro 
  • 40% per fatturati fra 400.000 e 1 milione di euro 
  • 30% per fatturati fra 1 e 5 milioni di euro 
  • 20% per fatturati fra 5 e 10 milioni di euro

Gli aiuti saranno compresi fra un minimo di 1.000 euro per le persone fisiche, 2.000 euro per le persone giuridiche e un massimo di 150.000 euro per beneficiario

LE RICHIESTE SI POTRANNO PRESENTARE A PARTIRE DAL 30 MARZO E FINO AL 28 MAGGIO (NO CLICK DAY). CONTATTA IL TUO CONSULENTE PRESSO CONFESERCENTI BERGAMO PER RICHIEDERE MAGGIORI INFORMAZIONI E ASSISTENZA.

ALTRE POLITICHE PER LE IMPRESE E I LAVORATORI AUTONOMI 

Aumento di 1,5 miliardi del Fondo per l’esonero dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti che nel 2020 hanno subito un calo del reddito superiore al 33% rispetto al 2019 

Fondo da 700 milioni per il sostegno alla filiera della montagna, con una quota destinata ai maestri di sci

ULTERIORI INTERVENTI PER I SETTORI GRAVEMENTE COLPITI

Istituito un fondo di 200 milioni per imprese esercenti attività commerciali o ristorative operanti nei centri storici e imprese operanti nel settore dei matrimoni e degli eventi privati

Rifinanziamento di 120 MLN del fondo destinato al sostegno delle librerie e filiera editoria• Fondo per la riduzione del costo bollette elettriche, solo per i mesi aprile maggio e giugno

Fondo per la riduzione del 30% del costo sul canone speciale RAI a vantaggio delle strutture ricettive e dei pubblici esercizi

proroga del periodo di sospensione delle attività dell’agente della riscossione fino al 30 aprile 2021

Estensione gratuità plateatico (occupazione suolo pubblico) sino al 30 giugno per dehor pubblici esercizi e per i mercati, Estensione della durata della semplificazione delle procedure per ottenimento concessioni pubbliche sino al 31/12 (per avere un dehor basterà ancora una semplice comunicazione e una planimetria)

Per i Comuni: proroga del termine per approvazione dei regolamenti comunali  che disciplinano il canone patrimoniale e il canone unico mercatale

LAVORO E CONTRASTO ALLA POVERTÀ

Blocco dei licenziamenti prorogato fino: 

  • al 30 giugno 2021 per tutti i datori di lavoro senza distinzioni (in via di precisazione); 
  • al 31 ottobre 2021 per i datori di lavoro che fruiscano degli strumenti di integrazione salariale; 

Proroga degli ammortizzatori sociali: 

  • Cassa integrazione in deroga e fondo di integrazione salariale (fis, fsba) 28 settimane dal I aprile fino al 31 dicembre 2021;
  • Possibilità di anticipazione dell’indennità di integrazione salariale anche per le aziende fino a 5 dipendenti (anziché l’obbligo del pagamento diretto da parte dell’Inps della prestazione);
  • Prevista la possibilità, ferma restando la durata massima complessiva di 24 mesi, di rinnovare e prorogare ancora senza causale i contratti a tempo determinato e per una volta sola (senza tener conto dei rinnovi e delle proroghe già intervenute).

una indennità di 2.400 euro per i lavoratori stagionali e a tempo determinato e di importo variabile tra i 1.200 e i 3.600 euro per i lavoratori sportivi;

il rinnovo, per ulteriori tre mensilità, del Reddito di emergenza e l’ampliamento della platea dei potenziali beneficiari;

la proroga degli interventi per i lavoratori in condizioni di fragilità.

  • Prorogata fino al 30 giugno la possibilità per i dipendenti con immunodeficienze e disabilità certificate di svolgere la loro attività in modalità smart. Nel caso in cui non possano svolgere il lavoro in smart working o non siano in cassa viene confermata l’equiparazione delle assenze al ricovero ospedaliero.
PER RICHIESTA DI INFORMAZIONI SU MISURE IN MATERIA DI LAVORO CONTATTARE DOTT. EMANUELE SPINIe.spini@conf.bg.it 
blog comments powered by Disqus

ENTI DEL SISTEMA CONFESERCENTI