Le scadenze fiscali di ottobre

Le scadenze fiscali di ottobre

Ad ottobre non mancano gli appuntamenti con il fisco. In particolare occorre tenere a mente il 16 ottobre, giorno di versamenti, il 25 in cui occorre presentare ad un Centro di Assistenza Fiscale o ad un professionista abilitato, anche in caso di assistenza prestata dal sostituto d’imposta, della dichiarazione integrativa (modello 730 integrativo) qualora dall’elaborazione della precedente dichiarazione siano riscontrati errori che non incidono sulla determinazione dell’imposta ovvero la cui correzione determina a favore del contribuente un rimborso o un minor debito e il 31 in cui vanno presentati il Mod. “770/2019 Redditi 2018” e il modello “IVA TR“.

Ma vediamo, nel dettaglio, le scadenze.

1 ottobre

Versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati in data 01/09/2019 o rinnovati tacitamente con decorrenza dal 01/09/2019.

2 ottobre

Ultimo giorno utile per la regolarizzazione dei versamenti di imposte non effettuati, o effettuati in misura insufficiente, entro il 2 settembre 2019, con maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo (ravvedimento breve).

15 Ottobre

Adempimenti contabili: emissione e registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente e risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo ad identificare i soggetti tra i quali è effettuata l’operazione, nonché le fatture riferite alle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione effettuate nel mese solare precedente;

Comunicazioni: occorre comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati di dettaglio relativi al canone TV addebitabile e accreditabile nelle fatture emesse dalle imprese elettriche – riferiti al mese precedente

16 ottobre

E’ giorno di versamenti, che riguardano:

  • Irpef – rate e acconti Irpef, adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli Isa.
  • Addizionali – Irpef (comunali e regionali) e Ires.
  • Cedolare secca – sia come saldo 2018 che acconto 2019.
  • Ritenute – per i sostituti d’imposta versamento ritenute operate nel mese precedente. Inoltre, ritenute derivanti dalle operazioni di conguaglio relative all’assistenza fiscale e sui canoni o corrispettivi incassati o pagati nel mese precedente, relativamente ai contratti di locazione breve.
  • Iva – liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente; versamento dell’imposta dovuta in applicazione del meccanismo della “scissione dei pagamenti”; adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA) dell’IVA, relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi.
  • Ires – saldo 2018 e acconto 2019 e adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA), relativi ai maggiori ricavi indicati nella dichiarazione dei redditi.
  • Irap – saldo 2018 e acconto 2019 e adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA), relativi ai maggiori ricavi indicati nella dichiarazione dei redditi.
  • Imposte sostitutive.

Sempre il 16 ottobre è l’ultimo giorno utile per la regolarizzazione dei versamenti di imposte e ritenute non effettuati o effettuati in misura insufficiente entro il 16 settembre 2019, con maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo (ravvedimento breve)

21 ottobre

Comunicazioni: comunicazione telematica all’Anagrafe Tributaria delle operazioni di verifica periodica degli apparecchi misuratori fiscali effettuate nel trimestre solare precedente e comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati di dettaglio relativi al canone TV addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente.

Versamento dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse nel terzo trimestre dell’anno.

25 ottobre

Presentazione ad un Centro di Assistenza Fiscale o ad un professionista abilitato, anche in caso di assistenza prestata dal sostituto d’imposta, della dichiarazione integrativa (modello 730 integrativo) qualora dall’elaborazione della precedente dichiarazione siano riscontrati errori che non incidono sulla determinazione dell’imposta ovvero la cui correzione determina a favore del contribuente un rimborso o un minor debito.

30 ottobre

Ravvedimento: ultimo giorno utile per la regolarizzazione dei versamenti di imposte non effettuati o effettuati in misura insufficiente entro il 30 settembre 2019, con maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo (ravvedimento breve

Adempimenti: presentazione della dichiarazione relativa all’ammontare complessivo degli assegni in circolazione alla fine del trimestre solare precedente, per la liquidazione dell’imposta di bollo sugli assegni circolari.

Versamenti:

  • Irpef – rate e acconti Irpef, adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli Isa.
  • Addizionali – Irpef (comunali e regionali) e Ires.
  • Cedolare secca – sia come saldo 2018 che acconto 2019.
  • Iva – saldo 2018 e adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA) dell’IVA, relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi.
  • Ires – saldo 2018 e acconto 2019 e adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA), relativi ai maggiori ricavi indicati nella dichiarazione dei redditi.
  • Irap – saldo 2018 e acconto 2019 e adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA), relativi ai maggiori ricavi indicati nella dichiarazione dei redditi.
  • Imposte sostitutive.

  31 ottobre

Presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta e degli intermediari relativa all’anno 2018 – Mod. “770/2019 Redditi 2018”;

Presentazione della richiesta di rimborso o utilizzo in compensazione del credito Iva trimestrale (Modello IVA TR).

Comunicazioni:

  • Canone rai – comunicazione bimestrale all’Agenzia delle Entrate dei dati dei soggetti per i quali è cessata la trattenuta rateale del canone di abbonamento alla televisione, dell’importo trattenuto, di quello residuo e delle motivazioni della cessazione;
  • Monitoraggio fiscale – Comunicazione dei dati analitici dei trasferimenti da o verso l’estero di importo pari o superiore a euro 15.000,00 posti in essere nell’anno 2018;
  • Operatori finanziari – comunicazione mensile all’Anagrafe Tributaria dei dati riferiti al mese precedente;
  • Sostituti d’imposta -Trasmissione all’Agenzia delle Entrate delle CU 2019 a.i. 2018 contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la “dichiarazione dei redditi precompilata” corrisposti nel 2018;
  • Soggetti passivi che facilitano, tramite l’uso di un’interfaccia elettronica quale un mercato virtuale, una piattaforma, un portale o mezzi analoghi, le vendite a distanza di telefoni cellulari, console da gioco, tablet PC e laptop – Comunicazione delle cessioni di beni e prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato relative al mese precedente (c.d. Esterometro);
  • Vendita di beni tramite piattaforme digitali – comunicazione relativa alle forniture del trimestre precedente, nonché di quelle relative al 2° trimestre 2019

Versamenti:

  • Irpef – rate, acconti 2019 e saldo 2018.
  • Addizionali – Irpef (comunali e regionali).
  • Imposta di bollo.
  • Cedolare secca – sia come saldo 2018 che acconto 2019.
  • Imposta di registro – contratti di locazione, registr
blog comments powered by Disqus

ENTI DEL SISTEMA CONFESERCENTI