Fiere su area pubblica: dal 15 giugno si ritorna a lavorare. Un grande risultato di ANVA Confesercenti Bergamo

1 Giugno 2021

ANVA Confesercenti Bergamo esprime grande soddisfazione per la ripartenza dal 15 giugno 2021 delle fiere su area pubblica in zona gialla, a seguito dell’approvazione dell’emendamento proposto da ANVA e che ha visto tra i primi firmatari la parlamentare bergamasca Elena Carnevali.

Un risultato fortemente voluto dall’associazione bergamasca che nei mesi scorsi aveva denunciato la drammatica situazione di fermo del settore sottoponendo, proprio ai parlamentari bergamaschi, un documento con le richieste delle imprese del commercio su area pubblica aderenti ad ANVA Confesercenti Bergamo, per chiedere misure urgenti che permettessero la riapertura di tutti i mercati e fiere all’aria aperta, la ripresa del comparto e la garanzia di ristori veri ed immediati.

Cesare Rossi vicedirettore di Confesercenti Bergamo: “Elena Carnevali, che ringraziamo per l’attenzione e per l’impegno, ha fatto propria la nostra richiesta, partita da Bergamo, ma che aveva, evidentemente, contenuti e rilievi nazionali. Per ANVA Confesercenti è il coronamento di un percorso sindacale importante a favore di queste micro imprese famigliari che, dopo 15 mesi di stop forzato, posso finalmente ritornare ad animare le nostre piazze.”

Elena Carnevali deputata bergamasca del Partito Democratico: “Sgombrare il campo dai possibili equivoci o interpretazioni varie e garantire agli ambulanti che operano su aeree pubbliche di tornare a lavorare è stata la finalità della presentazione dell’emendamento, spiegando al Governo che c’era una categoria tra gli ambulanti ancora ferma da oltre un anno. Ora, perché questo emendamento diventi legge, serve attendere la conversione in Aula, che avverrà tra lunedì e martedì, ed il passaggio rapido al Senato. Gli operatori di questo settore sono in grado di garantire la fruibilità del commercio ambulante in tutta sicurezza e rispetto delle linee guida e pertanto meritavano l’attenzione e le soluzioni richieste da tempo.”

Iscriviti alla newsletter

*campi richiesti